Speciale online 20:35

La ghiotta occasione di Renzi per riformare il lavoro

Più che le nuove nomine alla vicesegreteria del Pd (Lorenzo Guerini e Debora Serracchiani). Più che l’annuncio della riforma al Senato (lunedì se ne parla in Consiglio dei ministri). Più che le provocazioni su Grillo (che ormai è rimasto l’unico vero avversario politico del Rottamatore). La direzione del Pd ci consegna un quadro politico in cui la vera ciccia riguarda una questione molto simile a quella affrontata in mattinata dal governatore di Bankitalia Ignazio Visco: sfidare la rigidità delle corporazioni per provare a liberare l’Italia da quei lacci e da quei lacciucoli che costituiscono il principale ostacolo allo sviluppo del nostro Paese. La sfida in questione è quella sul lavoro.

La ghiotta occasione di Renzi per riformare il lavoro

Più che le nuove nomine alla vicesegreteria del Pd (Lorenzo Guerini e Debora Serracchiani). Più che l’annuncio della riforma al Senato (lunedì se ne parla in Consiglio dei ministri). Più che le provocazioni su Grillo (che ormai è rimasto l’unico vero avversario politico del Rottamatore). La direzione del Pd ci consegna un quadro politico in cui la vera ciccia riguarda una questione molto simile a quella affrontata in mattinata dal governatore di Bankitalia Ignazio Visco: sfidare la rigidità delle corporazioni per provare a liberare l’Italia da quei lacci e da quei lacciucoli che costituiscono il principale ostacolo allo sviluppo del nostro Paese. La sfida in questione è quella sul lavoro. Nei prossimi giorni decreto legge sul mercato del lavoro verrà discusso prima in Commissione e poi in Parlamento. Renzi ha puntato su un concetto chiave – rendere più semplice rispetto al passato l’assunzione a tempo determinato (sia sotto forma di contratto a termine sia sotto forma di contratto d’apprendistato) – e seguendo questo ragionamento ha dimostrato di non avere il vecchio pregiudizio ideologico della sinistra sindacale, e di considerare il contratto a tempo determinato non come un male assoluto da combattere ma come uno strumento per dare la possibilità ai lavoratori che non riescono ad ottenere un contratto a tempo indeterminato di non restare a spasso. La sinistra sindacale oggi ha mostrato i muscoli e ha detto che questa legge così com’è non si può votare. Renzi promette di non cedere di un millimetro ma nonostante il voto favorevole ricevuto alla direzione sul progetto qualcosa alla fine dovrà concedere. Cosa può fare? In teoria ci sarebbe una palla al balzo da sfruttare: accettare la critica della minoranza del Pd e fare quello che i riformisti del centrosinistra provano a fare da una vita. Questo: ok, nessuna distinzione tra contratti a termine e contratti non a termine, facciamo un unico contratto di lavoro con protezioni crescenti. L’occasione è ghiotta. E chissà che Renzi non riesca a fare su questo campo quello che in passato non è riuscito neppure al Cav.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi