Speciale online flash 13:45

"Chi sono io per giudicare?". La misericordia secondo Francesco

"Siate misericordiosi come il Padre vostro è misericordioso". Ancora una volta, è la misericordia al centro dell'omelia mattutina di Francesco a Santa Marta. "Allargare il cuore", è l'imperativo suggerito dal Papa, che ha aggiunto: "Il cuore grande non condanna, ma perdona, dimentica, perché Dio ha dimenticato i miei peccati; Dio ha perdonato i miei peccati". Sempre – ha detto ancora Bergoglio – nel cuore e nella mente deve risuonare la frase "Chi sono io per giudicare questo? Chi sono io per chiacchierare di questo? Chi sono io che ho fatto le stesse cose o peggio?".

"Chi sono io per giudicare?". La misericordia secondo Francesco

"Siate misericordiosi come il Padre vostro è misericordioso". Ancora una volta, è la misericordia al centro dell'omelia mattutina di Francesco a Santa Marta. "Allargare il cuore", è l'imperativo suggerito dal Papa, che ha aggiunto: "Il cuore grande non condanna, ma perdona, dimentica, perché Dio ha dimenticato i miei peccati; Dio ha perdonato i miei peccati". Sempre – ha detto ancora Bergoglio – nel cuore e nella mente deve risuonare la frase "Chi sono io per giudicare questo? Chi sono io per chiacchierare di questo? Chi sono io che ho fatto le stesse cose o peggio?". L'insegnamento è quello di Dio: "Non giudicate e non sarete giudicati, non condannate e non sarete condannati". Fare abbondante uso di misericordia, dunque, "che ci porta alla pace". La ricetta, ha sottolineato il Pontefice, è semplice: "Ricordatevi sempre della frase 'chi sono io per giudicare?', quindi vergognarsi e allargare il cuore".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi