Speciale online flash 20:30

Hollande sapeva delle intercettazioni di Sarkozy?

Les écoutes sono tornate d’attualità, in Francia, come ai bei vecchi tempi mitterrandiani, e a finire dentro alle intercettazioni incrociate c’è Nicolas Sarkozy. Il Monde segna uno scoop via l’altro, mentre l’ex presidente gollista cerca di mantenere in pubblico il sorriso e mentre inizia il girotondo del “chi sapeva?”. A oggi sappiamo che Manuel Valls, ministro dell’Interno sospettato di sarkozismo latente, ha saputo delle intercettazioni dalla stampa; sappiamo che il presidente François Hollande avrebbe detto che tutto, sul ritorno di Sarkozy, era “sotto controllo” (che espressione sfortunata); sappiamo che il premier Jean-Marc Ayrault sapeva tutto già da febbraio

Hollande sapeva delle intercettazioni di Sarkozy?

Les écoutes sono tornate d’attualità, in Francia, come ai bei vecchi tempi mitterrandiani, e a finire dentro alle intercettazioni incrociate c’è Nicolas Sarkozy. Il Monde segna uno scoop via l’altro, mentre l’ex presidente gollista cerca di mantenere in pubblico il sorriso e mentre inizia il girotondo del “chi sapeva?”. A oggi sappiamo che Manuel Valls, ministro dell’Interno sospettato di sarkozismo latente, ha saputo delle intercettazioni dalla stampa; sappiamo che il presidente François Hollande avrebbe detto che tutto, sul ritorno di Sarkozy, era “sotto controllo” (che espressione sfortunata); sappiamo che il premier Jean-Marc Ayrault sapeva tutto già da febbraio; sappiamo che l’anello debole della catena è la ministra pasionaria Christiane Taubira, quella che avevamo già visto battagliare in aula fino a notte fonda durante le discussioni sul matrimonio gay. Ieri, plateale com’è nel suo stile, la Guardasigilli si è presentata ai giornalisti brandendo fogli con le intercettazioni e dicendo che lei ha saputo di questi testi molto dopo il premier ma prima che lo sapesse la stampa, pure se due giorni fa aveva detto di aver letto, come Valls, sui giornali. Nelle contraddizioni della Taubira si sta ribaltando l’affare di stato, che riguarda le malefatte di Sarkozy, ma ora anche la leadership di Hollande, il quale ha deciso che di Mitterrand vuole tutto: le relazioni segrete, la svolta liberale e les écoutes.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi