Speciale online flash 17:30

Così Vladimir Putin è diventato (anche) un gioco erotico

Non bastavano le tette al vento delle Femen né gli exploit pro-gay delle transgender italiane alle scorse Olimpiadi di Sochi (vedi Vladimr Luxuria, ex Muccassassina, al secolo deputata Sel in quota toilette rosa alla Camera, all’anagrafe Vladimiro Guadagno). A contrastare la politica anti homosex del presidente russo Vladimir Putin sono arrivati anche i sex toys. L’autore della trovata si chiama Fernando Sosa. Scultore, graphic designer e fine umorista, a quanto pare. Alla modica cifra di 14 sterline sarà possibile acquistare online un giochino erotico a forma di Putin.

Così Vladimir Putin è diventato (anche) un gioco erotico

Non bastavano le tette al vento delle Femen né gli exploit pro-gay delle transgender italiane alle scorse Olimpiadi di Sochi (vedi Vladimr Luxuria, ex Muccassassina, al secolo deputata Sel in quota toilette rosa alla Camera, all’anagrafe Vladimiro Guadagno). A contrastare la politica anti homosex del presidente russo Vladimir Putin sono arrivati anche i sex toys. L’autore della trovata si chiama Fernando Sosa. Scultore, graphic designer e fine umorista, a quanto pare.

Alla modica cifra di 14 sterline sarà possibile acquistare online un giochino erotico a forma di Putin. Grazie ai prodigi della stampa in 3D il prototipo ha già avuto un grande successo. Ma questo piccolo aggeggio – finora disponibile solo in arenaria – sarà presto prodotto in serie di silicone, assicura il suo creatore.

Se non ha ancora invaso la Crimea, di sicuro il leader russo si prepara a entrare in altri territori, non proprio inesplorati. Questa volta senza dover mobilitare eserciti.

I veterani dell’autoerotismo avevano già fatto faville per le precedenti “opere d’arte” create da Sosa. Putin ha infatti un predecessore di tutto rispetto: il repubblicano americano Chris Christie. Ma la lista è ancora lunga e di idee orientate alla contestazione politica lo scultore sembra averne ancora molte. Dalle pagine del suo blog presenta nuovi personaggi. Quello di oggi è il senatore repubblicano Mitch McConnel, metà uomo metà tartaruga, nella versione dell’artista, finito nel mirino per la sua presunta inazione politica e per non aver rimediato ai problemi di corruzione che costellano il panorama politico americano. Pare che anche la signora Clinton e il repubblicano Rubio debbano prepararsi al peggio. Sono tra i nomi inseriti nel sondaggio su quale dovrà essere il prossimo “statista” a cui dare una forma... speciale. Il mondo gay friendly (e non) avrà di che divertirsi, le tasche di Sosa pure.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi