Speciale online flash 12:34

Concertazione chi? Il senso politico della rupture di Renzi

Doveva essere, per Renzi, il giorno del grande piano sul Lavoro, il giorno della grande risposta del governo all'emergenza disoccupazione, il giorno della presentazione finale del Jobs Act. Ma alla fine dei conti il consiglio dei ministri di mercoledì prossimo dovrebbe trasformarsi in qualcosa di diverso e dovrebbe diventare davvero il giorno in cui Renzi farà quello che nessuno governo negli ultimi vent’anni è riuscito a fare come avrebbe voluto: abbassare di un’anticchia le tasse e far trovare ai lavoratori che ricevono meno di 25 mila euro di retribuzione all’anno un piccolo contributo per veder migliorato il proprio stipendio.

Concertazione chi? Il senso politico della rupture di Renzi

Doveva essere, per Renzi, il giorno del grande piano sul Lavoro, il giorno della grande risposta del governo all'emergenza disoccupazione, il giorno della presentazione finale del Jobs Act. Ma alla fine dei conti il consiglio dei ministri di mercoledì prossimo dovrebbe trasformarsi in qualcosa di diverso e dovrebbe diventare davvero il giorno in cui Renzi farà quello che nessuno governo negli ultimi vent’anni è riuscito a fare come avrebbe voluto: abbassare di un’anticchia le tasse e far trovare ai lavoratori che ricevono meno di 25 mila euro di retribuzione all’anno un piccolo contributo per veder migliorato il proprio stipendio.

Le modalità e le coperture con cui Renzi darà un taglio alla pressione fiscale e con cui il presidente del Consiglio darà più soldi in busta paga ai dipendenti che guadagnano meno di 1500 euro al mese sono ancora tutte da vedere, ce ne occuperemo domani sul Foglio, ma il messaggio politico che il premier è riuscito a far passare presenta un tratto significativo che si lega al rapporto che il governo vuole costruire con il mondo sindacale. Finora, da Carlo Azeglio Ciampi in poi, tutti i governi del centrosinistra, tranne in una fase il governo D’Alema, hanno sempre pensato a come mettere mano sul lavoro subordinando le proprie riforme a un “previo” accordo con il mondo sindacale. Dove per mondo sindacale si intende da una parte l’universo di Confindustria e dall’altra l’universo della Cgil. Renzi oggi promette di spezzare questa tradizione. E di rottamare un certo tipo di concertazione. Ma se il presidente del Consiglio vuole dare un senso alla sua storia una volta tirate giù le tasse e dato più soldi in busta paga ai lavoratori non potrà che mettere le mani sulla grande riforma sulla quale verrà misurato il governo Leopolda: la contrattazione aziendale. E sarà qui che Renzi dovrà dimostrare se il governo Leopolda ha la forza o no di essere qualcosa di più di un formidabile Letta Bis.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi