Il lavoro più difficile per Matteo

Superata non senza qualche perdita la prima puntata dell’operazione riforma elettorale, Matteo Renzi è atteso alla prova, da lui più volte annunciata, di un intervento sul lavoro. Il momento sembra favorevole, visto che negli ambienti finanziari internazionali non si lavora più a un default dei debiti pubblici delle economie più deboli e la domanda esterna e, per qualche aspetto, anche quella interna danno segni di risveglio. Il lavoro in Italia è poco, nel senso che sono pochi in percentuale i lavoratori attivi, soprattutto per una partecipazione assai bassa della manodopera femminile e giovanile. E’ poco qualificato nei settori tecnologici e poco motivato alle funzioni meno gratificanti.

Il lavoro più difficile per Matteo

Superata non senza qualche perdita la prima puntata dell’operazione riforma elettorale, Matteo Renzi è atteso alla prova, da lui più volte annunciata, di un intervento sul lavoro. Il momento sembra favorevole, visto che negli ambienti finanziari internazionali non si lavora più a un default dei debiti pubblici delle economie più deboli e la domanda esterna e, per qualche aspetto, anche quella interna danno segni di risveglio. Il lavoro in Italia è poco, nel senso che sono pochi in percentuale i lavoratori attivi, soprattutto per una partecipazione assai bassa della manodopera femminile e giovanile. E’ poco qualificato nei settori tecnologici e poco motivato alle funzioni meno gratificanti. E’ pagato poco e costa invece molto a causa del peso sovrabbondante della tassazione e dei contributi. Per uscire da questa spirale bisogna fare come si è fatto in Germania, prima, e in Spagna, poi: rendere più fluido il mercato del lavoro, sostenere la formazione professionale e l’apprendistato, favorire la contrattazione locale e aziendale, anche uscendo dalle gabbie paralizzanti costruite da contratti nazionali di categoria obsoleti. Spostare il potere di decisione dalle burocrazie sindacali centrali, delle confederazioni del lavoro e di quelle delle imprese, per darlo invece all’interno delle fabbriche e nei distretti a chi direttamente deve gestire i fattori produttivi sarebbe, per l’Italia, una rivoluzione e una liberazione. La prova di Renzi è questa. Manovre di finanza pubblica e riduzioni di tasse, sempre utili, non sono risolutive, anche perchè è evidente che nella situazione di finanza pubblica esistente se si dà da una parte si deve togliere dall’altra, se si abbatte l’Irap si aumenta la tassa immobiliare sui capannoni e alla fine è difficile che il saldo sia tale da promuovere davvero nuova occupazione. Se invece si toglie il potere frenante delle burocrazie centralizzate si aprono prospettive reali, ma questo, e Renzo lo sa bene, richiede una battaglia politica aperta come quella che Tony Blair ingaggiò con la Trade Unions, non una placida  concertazione conservativa. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi