Caschi blu contro il Vaticano?

La commissione Onu per i diritti dei minori ha diffuso oggi un rapporto in cui contesta la condotta del Vaticano in materia di pedofilia che nei toni ha ben pochi precedenti. L'atto d'accusa è pesante: la Santa Sede non ha riconosciuto la portata dei crimini commessi, non ha adottato le misure necessarie ad affrontare i casi di abusi sessuali su bambini e a proteggere i minori, ha adottato politiche e pratiche che hanno portato alla prosecuzione degli abusi e all'impunità dei colpevoli.

Caschi blu contro il Vaticano?

La commissione Onu per i diritti dei minori ha diffuso oggi un rapporto in cui contesta la condotta del Vaticano in materia di pedofilia che nei toni ha ben pochi precedenti. L'atto d'accusa è pesante: la Santa Sede non ha riconosciuto la portata dei crimini commessi, non ha adottato le misure necessarie ad affrontare i casi di abusi sessuali su bambini e a proteggere i minori, ha adottato politiche e pratiche che hanno portato alla prosecuzione degli abusi e all'impunità dei colpevoli. Ecco perché, si legge ancora nel rapporto, il Vaticano dovrebbe rimuovere immediatamente e consegnare alle autorità competenti i responsabili di quegli atti, affinché siano sottoposti alla giustizia civile. Tra le richieste della commissione, anche quella di aprire gli archivi in cui sono registrati i nomi anche di coloro che hanno coperto tali crimini. Il punto più contestato riguarda le misure attuate dalla Santa Sede, che ha "spostato di parrocchia in parrocchia" i responsabili degli abusi. Inoltre – si legge ancora – "a causa di un codice del silenzio imposto su tutti i membri del clero sotto la pena della scomunica, i casi di abuso sono stati anche difficilmente riferiti alle autorità giudiziarie nei Paesi in cui sono stati commessi".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi