ACCEDI | REGISTRATI | INFO


La ballerina che ha conquistato il Web è pronta per il palco a Sanremo

di Marianna Venturini | 18 Dicembre 2009 ore 17:53

COMMENTA 0 |   | 

Si chiama “Ballerina” e farà parlare, cantare e fischiettare  parecchio. E’ il brano cantato da Stefano Scandaletti che corre nella sezione Sanremo Nuova Generazione per accedere al prossimo festival di Sanremo, dal 16 al 20 febbraio. Tra gli ottanta nomi che si sono presentati per la selezione sul web e che porterà i più votati sul palco dell’Ariston, “Ballerina” vanta già alcuni video fatti dagli utenti su YouTube. L’irresistibile medley “E la vita più bella è mia/e il culo più bello è quello mio” ha scatenato gli utenti on line che si sono divertiti a accompagnare il brano come meglio preferivano: ci sono le versioni più liriche in tutù sulle punte a quelle più intuibili con richiami anatomici. La canzone è irresistibile: merito di una melodia orecchiabile e del testo irriverente che racconta la storia di una giovane ballerina che si concede al produttore (“Il mio organo perfetto/ lo do solo al produttore”). Merito di un testo non banale, anzi quasi poetico. Forse perché nato in una notte piovosa, dentro i finestrini di una roulotte.

E' il ritratto feroce e lucidissimo di come funzionano alcuni meccanismi televisivi, cantato con tutta la leggerezza possibile da un uomo. Non solo. E' anche il sogno adolescente di un futuro attore, ballerina, istrione, artista. "Sono nata ballerina/ inseguendo le farfalle/ strappandogli le ali/ per l'ombretto dei miei occhi". Chi da bambina non ha sfiorato le ali di una farfalla e avuto sul dito il loro ombretto colorato, prima di rendersi conto di averla condannata a morte?
Scandaletti, giovane e bell'attore di Padova che si definisce “cantattore”, potrebbe arrivare a Sanremo. Per saperlo si deve aspettare il 12 gennaio, quando la giuria avrà deciso quali sono i sei giovani da ammettere (sono invece usciti oggi i nomi dei 14 big in gara). Online, tanti hanno già deciso.

 

 

© FOGLIO QUOTIDIANO


 | 

comments powered by Disqus