Il Corriere e il senso di colpa per Noemi

Se c’è una cosa utile da coltivare nell’occidente in generale, ma in Italia in particolare, è il senso di colpa

Il Corriere e il senso di colpa per Noemi

Il luogo dove è stato ritrovato il corpo di Noemi Durini (foto LaPresse)

Se c’è una cosa utile da coltivare nell’occidente in generale, ma in Italia in particolare, è il senso di colpa. Che sia diretto, tra l’altro, croccante, possibilmente sul fatto del giorno. Come ieri sul Corriere: “Che cosa non abbiamo fatto, noi, per Noemi? Resteranno una madre che ha cercato di alzare lo scudo dell’autorità a protezione di sua figlia e un padre che ha aiutato il figlio a cancellare le tracce. E restiamo noi che, in un rito spaventoso, ci domandiamo che fare”. Ineccepibile. Solo la cosa in fondo: che “ci domandiamo cosa fare in questo rito spaventoso”, pregherebbesi Barbara Stefanelli di chiederlo a sua sorella.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • GianmarcoOlivé

    GianmarcoOlivé

    15 Settembre 2017 - 08:08

    Caro Marcenaro, grazie, come sempre.

    Report

    Rispondi

Servizi