Allarme fertilità per l’uomo occidentale

E il declino non rallenta. Ma c'è qualcosa di più grave

Allarme fertilità per l’uomo occidentale

Foto Pixabay

Così, ci siamo arrivati, è allarme fertilità per l’uomo occidentale. Lo afferma la scienza. Studi molto approfonditi, molto seri. Gli spermatozoi nel liquido seminale sono diminuiti di oltre il cinquanta per cento negli ultimi quarant’anni. E il declino non rallenta. E gravissimi vengono considerati i rischi, sia per la fertilità maschile che per la salute. Il genere umano potrebbe estinguersi. Anzi, continuando la tendenza, è certo. E già questo è un problema. Poi ce n’è un altro. Non succederà, perché non può succedere, ma metti, un domani, quando all’organo maschile resterà un solo spermatozoo, magari con le occhiaie, o magari manco quello, che qualcuno si spingesse fino a dare della testa di minchia a Saviano: sarà più grave o meno?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Giovanni

    28 Luglio 2017 - 09:09

    Che diminuisca la fertilità quando la popolazione raggiunge limiti pericolosi pare che sia un fenomeno naturale dovuto a tanti fattori ancora non ben compresi dalla scienza. Quanto poi a dare del testa di minchia a Saviano con tutti i testa di minchia che ci sono nel mondo è assolutamente plausibile se la mettiamo sul piano del calcolo delle probabilità.

    Report

    Rispondi

Servizi