L'arte dell'abbraccio tra Boschi e Pisapia

Il Fatto per commentare l'incontro tra i due ha interpellato Tomaso Montanari

L'arte dell'abbraccio tra Boschi e Pisapia

Foto LaPresse

Per una volta, chapeau. Dato che il Fatto, per commentare quell’avvenimento politico decisivo che è stato l’abbraccio di Pisapia alla Boschi, ha volato alto. Ha interpellato Tomaso Montanari. Il professore. L’accademico di storia dell’arte. Severo con la signora del Pd, questo non si può negare, ma citando almeno Caravaggio e il suo “La buona ventura” (dove la bella zingara-Boschi frega l’anello al giovane ingenuotto-Pisapia, che si è fidato a farsi leggere la mano), nonché il ciclo di Giotto su San Francesco, quindi “La città che sale” di Umberto Boccioni, e il Matrimonio della Vergine, ma altro ancora, e il tutto sempre su, sempre con il linguaggio alto che è poi quello dell’arte. Ciò che produceva il suo bell’effetto, sul giornale-pisciatoio di Duchamp.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • giantrombetta

    26 Luglio 2017 - 08:08

    Scusami, ma nella foto la Boschi mi pare adorante verso Pisapia. A stare alle apparenze, posto che come dice il proverbio a volte ingannano, sarei cuorioso di sapere da te se il sorriso adorante a capo inclinato sia espressione di trasporto erotico o politico.

    Report

    Rispondi

Servizi