Cari gufi, a Cardiff vince la Juve

Se ne fotte della logora bubbola che l’augurio porti male

Cari gufi, a Cardiff vince la Juve

Gigi Buffon (foto LaPresse)

Stasera vince la Juve, stop. Perché ha più fame, perché il miglior attacco è la difesa, perché ha Dybala, Dani Alvez e il Pipita, oltre dieci milioni di tifosi, perché l’Avvocato è indimenticabile, perché è italiana come nessun’altra squadra, perché sentirà la spinta del Paese, non è superstiziosa e se ne fotte della logora bubbola che l’augurio porti male. Nemmeno se ne parla. Stravince.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • giantrombetta

    06 Giugno 2017 - 09:09

    Cara e purtroppo molto poco gentile signora Pia Banchelli, le ricorderò semplicemente che alcuna delle squadre sconfitte in Italia dalla Juve grazie ai suoi asseriti favori arbitrali in Europa ha mai fatto meglio della Juve, pur avendone eguale possibilità. Quanto ad errori ( o favori) arbitrali in Europa, tutta la stampa internazionale ha unanimemte riconosciuto essere stato quest'anno il Real Madrid il maggiore beneficiario, come ricordato in particolare dai tedeschi di Monaco. Per cortesia, legga, si informi, osservi senza pregiudizi, rifletta e cerchi di comprendere, prima di scrivere cose che potrebbero farla scambiare per una volgare tifosa.

    Report

    Rispondi

  • pia.banchelli

    05 Giugno 2017 - 16:04

    Purtroppo ho letto il suo pronostico solo oggi. A sconfitta della Juve avvenuta. Ma io ero certa che avrebbe perso. Solo qui da noi esiste e campa bene, vincendo, la Vecchia Signora. Essendo appunto vecchia trova sempre, in campo, un arbitro gentile disposto ad aiutarla. Pia Banchelli

    Report

    Rispondi

  • Nambikwara

    Nambikwara

    05 Giugno 2017 - 15:03

    Mi scusi, dimenticavo. Su una cosa ha ragione, l'avvocato Agneli è indimenticabile: come dimenticare il peggior manager della FIAT.

    Report

    Rispondi

  • efis.loi

    03 Giugno 2017 - 20:08

    Dicesi "cugurra", colui che, volente o nolente, conscio o inconsapevole, cosciente o incosciente, saggio o citrullo, si spertica per un risultato che infine non risulta. Tutti, per il mancato risultato, lo riterranno responsabile. Qui ce n'è uno che vuole fortissimamente vuole, è saggio e coscientemente conscio. Più su ce n'è un altro che tifa Berlusconi-Renzi e tutti che digrignano: "Zitto, cugurra". Non è dato sapere che si turi il naso.

    Report

    Rispondi

Servizi