Patologie politiche (meno) gravi

Molte sono le patologie che mi hanno colpito, alcune delle quali molto gravi, altre di meno. Tra quelle di meno, ma che lo stesso mi hanno particolarmente colpito, la più nota è nota a tutti: stare contro i vaccini. Ma c'è dell'altro

Patologie politiche (meno) gravi

Foto LaPresse

Tema: “Descriva l’alunno, tra le infinite patologie gravi, o meno gravi, alcune tra esse che lo hanno particolarmente colpito”. Svolgimento. Molte sono le patologie che mi hanno colpito, alcune delle quali molto gravi, altre di meno. Tra quelle di meno, ma che lo stesso mi hanno particolarmente colpito, la più nota è nota a tutti: stare contro i vaccini. Patologia per le patologie. Clamorosa. Poi anche altre, però. Tra di esse, facciamo un secondo esempio, la denuncia del populismo. Salutare medicina, in apparenza. L’epidemia populista risale infatti agli anni 1992-93, come ha giustamente ricordato l’altro giorno il Corriere della Sera (tralasciando, per distrazione, il 1994 dell’avviso di Napoli). Dimenticava di aggiungere come lo stesso Corriere, non ricordo al momento diretto da chi, avesse fatto seguire la sagra nazionale della Casta. Che proprio contro il populismo non pareva. Mah! Tentativi di effetto placebo. Laddove si nascondeva invece, signora maestra, una patologia particolare, non gravissima, italianissima, la quale potrebbesi chiamare Furbetta. Molte altre sono d’altronde le patologie che mi hanno colpito. Vorrei qui ricordare soltanto, come terzo esempio, quella Nazarena. Patologia particolare. Oggi c’è, domani no, ciribì, ciribò. Con Letta no. Manco con Monti c’era, ciribì ciribera. Ciribì ciribì, pare che agisca, il germe, solo dopo che perde il Sì. E se l’è cercato il No, ciribì ciribò. In trincea, ciribìn ciribetta, col compagno Brunetta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Giovanni

    31 Maggio 2017 - 07:07

    C'è poi la patologia che il Professor Beppe Grillo ha decretato di saper curare, anzi l'ha urlato in piazza ad un popolo osannante: egli dixit "...se volete evitare che vi si ingrossi la prostata, scopate un giorno si e l'altro pure...niente medicine o altra robaccia...". Che genio meraviglioso e allora giù tutti a fornicare come ricci. Senonchè ai poveracci la prostata gli si è ingrossata lo stesso e naturalmente si sono ingrossate altre due cosette. Ma siamo tutti ansiosi in trepida attesa che ci enunci la sua prossima scoperta in campo medico, paramedico, farmaceutico, biogenetico, aritmetico e algebrico. Che genio ...che genio...

    Report

    Rispondi

Servizi