Tempo di riallacciare i rapporti

Avevamo litigato per una stronzata, litigavamo sempre, tra l’altro, ma lui quella volta s’impuntò

Tempo di riallacciare i rapporti

Foto di A. Strakey via Flickr

Ci tenevo a riallacciare con Roberto. Avevamo litigato per una stronzata, litigavamo sempre, tra l’altro, ma lui quella volta s’impuntò, vaffanculo mi disse, quando l’invito manteneva ancora una sua sbrigativa nobiltà. E chiusa lì. Sono passati sei anni. Ogni tre o quattro mesi lo cercavo, rivediamoci, dai, e niente. Avrà avuto le sue ragioni. E anch’io le mie per non mollare: troppo intelligente, era, simpatico, generoso e imbranato negli affari quanto geniale in tutto il resto. Soprattutto, testardo: io chiamavo, lui chiudeva, io richiamavo, lui ribadiva. Ci ho riprovato di nuovo ieri, e vieni, su, che ti aspetto a cena stasera. T’ho detto di no. Pazienza. Mi è uscita dal cuore in extremis: guarda però che sono Andrea, io, mica Ferruccio de Bortoli. E’ venuto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • giantrombetta

    12 Maggio 2017 - 08:08

    Consentimi per una volta di non averti trovato divertente. Ma ti perdono: cosa non si fa o si scrive per amore....Di una bella donna, per altro. E l'amore, si sa, e' cieco, e magare rende pure ciechi. Momentaneamente, si sa e spera.

    Report

    Rispondi

Servizi