Cari No Tap, faccio una strage di ulivi

In campagna per il weekend con un obiettivo chiaro

Cari No Tap, faccio una strage di ulivi

Volentieri a Roma, me ne sarei stato. Andrò in campagna per il weekend. Devo, una voce mi chiama. Salirò sulla vetturetta, rifarò per la milionesima volta quell’accidente di strada sempre uguale, ascolterò la mia Franca: guarda che luce, oggi, guarda che luce, prenderò la multa dovuta, farò la spesuccia, arriverò al bivio, alla bicocca, entrerò, la spesuccia nel frigo, uscirò finalmente nel prato davanti casa, ripenserò a tante cose, magari al gasdotto, perfino ai NoTap, e una strage faccio, di quei quattro ulivi di merda che tengo, una strage.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    05 Aprile 2017 - 17:05

    dalla dittatura della maggioranza imbroglio concettuale per i gonzi, ora la dittatura di minoranze sempre più fuori di testa ,con il cervello all'ammasso della stolidità .amen.

    Report

    Rispondi

  • Tog19

    05 Aprile 2017 - 10:10

    LMAO

    Report

    Rispondi

Servizi