Matteo Renzi, mettiti nei panni dei tuoi oppositori

Chiedere di abbandonare le certezze storiche della sinistra, i cosiddetti luoghi-comunismi, è senz’altro facile a parole, ma più arduo e doloroso di quanto si creda nonostante tutto

Matteo Renzi, mettiti nei panni dei tuoi oppositori

Rimini, Matteo Renzi all'assemblea degli amministratori del Pd (foto LaPresse)

Si capiscono le polemiche, certo, e ci mancherebbe che no, ma si rivelerebbe utile se Matteo Renzi si ponesse nello stato d’animo di chi capisce i propri oppositori interni. Se rinunciasse a stressarli. Se si rendesse conto, cioè, che chiedere di abbandonare le certezze storiche della sinistra, i cosiddetti luoghi-comunismi, è senz’altro facile a parole, ma più arduo e doloroso di quanto si creda nonostante tutto. Se accettasse, finalmente, l’idea che chiedere ai depositari della Memoria, non solo della Ditta, di andare addirittura oltre la famosa Bad Godesberg per una sognata modernizzazione, comporta lo sforzo quasi disumano di persone, di compagni in carne e ossa, di intellettuali tutt’altro che conservatori, i quali (ricordiamo che era appena il 1977, il resto dell’Europa ce l’aveva dal 1965) non si sono ancora rimessi dalla fatica di aver dovuto accettare la tivù a colori.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • giantrombetta

    15 Febbraio 2017 - 09:09

    L'epica battaglia contro la TV a colori condotta con lo slogan: solo i poveretti e stupidi guardano la televisione. Fulgido esempio di chi a sinistra ha sempre amato il regresso predicando il progresso.

    Report

    Rispondi

Servizi