I santi e le tendenze a sinistra

Ma si può?

 Massimo D'Alema

Massimo D'Alema (foto LaPresse)

Ma si può? È mai possibile dedicarsi con supremo sforzo alla lettura di ciò che dicono stia muovendosi a sinistra, vale a dire delle apparenti tendenze dalemiste di Ignazio Marino, Miguel Gotor, di Zoggia, Stumpo, Leva, Laforgia, Speranza, Cuperlo, Casson, e di Bruno Tocci, e di Valdo Spini, e di Bobo Craxi, e di Livia Turco, ma di più, delle probabili intenzioni di D’Attorre, di Stefano Fassina, Roberto Zaccaria, ma perfino di Sabrina Ferilli, e venire a scoprire un momento dopo che ieri era San Pallato?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • fabriziocelliforli

    03 Febbraio 2017 - 19:07

    Mi si spieghi la legion d'onore a d'alema col grado di grand'ufficiale (i commendatori sono sotto). Mi si spieghino i meriti. Mi si spieghi il bandwagoning nella nuova versione "a scommessa".

    Report

    Rispondi

  • giantrombetta

    03 Febbraio 2017 - 10:10

    Oggi pero' .e' la Candelora. Se la vien con sol e bora de l'inverno semo fora; se la vien con piova e Zaccaria de l'inverno no 'ndemo piu' via. Dalle mie parti piove.

    Report

    Rispondi

  • GianmarcoOlivé

    GianmarcoOlivé

    02 Febbraio 2017 - 11:11

    Roberto Speranza, l'ossimoro incarnato

    Report

    Rispondi

Servizi