Anniversari, aragoste e modernità

aragoste

Foto di Rex Sorgatz via Flickr

Cadeva, ieri, l’anniversario della morte di Bettino Craxi. Colpivano queste due notizie. La Corte di Cassazione aveva confermato la sentenza di condanna di un ristoratore di Campi Bisenzio (Fi), trascinato davanti alla giustizia con l’accusa di conservare in frigorifero delle aragoste vive, pescate magari nel mare di Bering dove se la spassano abitualmente a meno due gradi. L’altra riguardava un uomo politico che stava spiegando a un importante giornale la strada semplice e sicura, chissà perché trascurata finora, per rendere l’Italia un paese moderno, riformato e proiettato nel futuro. Era D’Alema.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • efis.loi

    20 Gennaio 2017 - 14:02

    Trascurando per un momento le aragoste che riguardano la scarsa considerazione dell'uomo per la natura, e lo ha detto pure Francesco, pensiamo ai due politici. L'uno è morto, pace. L'altro no, una prece. Politicamente, s'intende.

    Report

    Rispondi

Servizi