Nei libri palestinesi Israele non esiste

Tel Aviv, fondata da sessanta famiglie ebraiche nel 1909, nei testi palestinesi-Onu per i ragazzi viene spacciata per città araba col nome di Tel al-Rabia

Nei libri palestinesi Israele non esiste

(foto LaPresse)

Armon Gross e Ronni Shaked, ricercatori presso il Center for Near East Policy Research dell’Harry Truman Research Institute dell’Università di Gerusalemme, hanno presentato la loro indagine sui libri scolastici redatti dal Ministero della Pubblica Istruzione dell'Autorità Palestinese e usati nelle scuole palestinesi gestite dall’Onu sia in Cisgiordania che a Gaza. In quei libri, Israele non esiste: né entro i confini teorici proposti dall’Onu nel 1947, né entro le linee armistiziali del periodo ’49-’67, né entro alcun altra linea di confine. Tel Aviv, fondata da sessanta famiglie ebraiche nel 1909, nei testi palestinesi-Onu per i ragazzi viene spacciata per città araba col nome di Tel al-Rabia. Le stesse scritte in ebraico sui francobolli sono state cancellate. Restano quelle in arabo. Per l’Autorità Palestinese, insomma, non solo per Hamas, Israele è scomparsa. E questo è il meno. E’ che ancora non sa, Abu Mazen, come dirlo a D’Alema.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • porever

    06 Gennaio 2017 - 12:12

    Perchè, i libri scolastici israeliani riconoscono forse i territori palestinesi? I torti non sono tutti da una parte, caro Marcenaro e cari amici del Foglio. Buona Epifania.

    Report

    Rispondi

Servizi