Cosa mi piace della “svolta garantista dei 5 stelle”

Mi piace, mi sembra un passo avanti se uno stronzo si rende conto che deve cambiar modo di fare lo stronzo

beppe grillo

Beppe Grillo (foto LaPresse)

Pensare alla fine che fanno gli altri mi aiuta a mantenermi giovane. Mi piace, mi sembra un passo avanti se uno stronzo si rende conto che deve cambiar modo di fare lo stronzo. E che rediga perciò il decalogo dell’onesto cretino. Mi piace che i giornali definiscano la suddetta furbacchiata: “Svolta garantista dei 5 stelle”. Cosa ci posso fare? Mi piace. E mi piace l’urlo indignato della stampa sparapalle, quando il solito stronzo le ricorda le palle che ha sparato. Mi piace l’una e mi piace l’altro. E’ tutto talmente strano che la testa si rigenera, non me la prendo neppure, ci faccio al massimo una risata. Anzi. Quasi quasi domani prendo un autobus e tocco il culo a una bella signora. Si chiamava manomorta, ieri, oggi magari lo chiamano amore.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • efis.loi

    04 Gennaio 2017 - 20:08

    Eh, eh, c'è toccata e toccata e dipende dalla manina. Se lo si fa a Berlino o Colonia è azione di guerra asimmetrica e non può passare per amore. Qui da noi, penso di sì.

    Report

    Rispondi

Servizi