Rimpiangere l’osso del pene

L’interessante studio pubblicato ultimamente da Proceedings of the Royal Society, con il quale spiegano che l’uomo aveva un osso nel pene

Rimpiangere l’osso del pene

Complimenti ai professori Matilda Brindle e Christopher Opie, dell’University College di Londra, per l’interessante studio pubblicato ultimamente da Proceedings of the Royal Society, con il quale spiegano che l’uomo aveva un osso nel pene, però lo ha perso nel corso della sua evoluzione, probabilmente a causa della monogamia. Che a me, me lo dicono. Poi si spera con tutto il cuore che l’uomo ritrovi comunque l’ancestrale rilassatezza. Siamo peraltro spiacenti di dover partecipare ai due ricercatori inglesi una sgradevole notizia: nella patria dei latin lover stiamo precipitando dal ventesimo piano di un grattacielo per libera decisione del popolo, i rimpianti sull’osso non sono più cazzetti nostri.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • efis.loi

    16 Dicembre 2016 - 20:08

    Non ho capito se nella monogamia, parliamo di valori medi sia chiaro, le code di distribuzione non interessano, si fotta di più o di meno. Io, se i due professori mi permettono, propenderei per il meno. Altrimenti l'osso si conserverebbe per tenerlo su con tutto quel gran fottere, qualora la monogamia non fosse stata inventata. Pensa un po', farselo ingessare, cadute dal ventesimo piano a parte, in seguito a un incidente.

    Report

    Rispondi

Servizi