Il buono, il deficiente e il cattivo

Il buono, il deficiente e il cattivo

Renato Brunetta (foto LaPresse)

Esistono persone così deficienti, ma così definitivamente, perdutamente, irrimediabilmente deficienti, da pensare che uno il quale confessi davanti a tutti di essere cattivo, sia per davvero più cattivo di chi si vantasse di esser buono. Poi chissà cosa ne pensa quel birbantello dell’onorevole Brunetta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi