La scoperta dei babbei

La stampa italiana, tutta, e i politici, tutti, da Fassina ad Alemanno, dopo averli pompati come i canotti a luglio, stanno scoprendo ora che i cinque stelle sono dei babbei.
La scoperta dei babbei

Virginia Raggi (foto LaPresse)

La stampa italiana, tutta, e i politici, tutti, da Fassina ad Alemanno, dopo averli pompati come i canotti a luglio, stanno scoprendo ora che i cinque stelle sono dei babbei. Cosa hanno pensato bene di fare? Di avventarsi come un sol uomo sulla Sindaca votata appena due mesi fa (contro di loro) dal 67 per cento dei romani, convinti che questi ultimi si sarebbero mostrati entusiasti di essere dichiarati ufficialmente babbei. Che nemmeno Petrolini. Fatto sta che solo essere iscritto in qualche registro di indagini continua a contare più della donna cannone al circo. E che i babbei decidono su una quisquilia tipo le Olimpiadi come manco Cracco con l’aspirante cuoco. Manca solo qualche Sarzanini che tiri fuori un verbalino su Virginia alle prese col sesso sfrenato. Bon. Era solo per pregare Isis e soci di non distrarci con bombole del gas davanti a Notre Dame. O con stragi, stragette, decapitazioni, tir e quant’altro, proprio mentre qui siamo tesi come corde di violino sulla parola d’ordine “Je suis assesseur”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi