La bambola gonfiabile di Salvini

Buoni ultimi, desideriamo anche noi mettere mille chilometri di distanza dalla bambola gonfiabile del mai deludente Salvini, faro abbagliante per moderati in confidenza con forche e forconi. Gli è venuta dal cuore, la bambola gonfiabile.
La bambola gonfiabile di Salvini

Matteo Salvini (foto LaPresse)

Buoni ultimi, desideriamo anche noi mettere mille chilometri di distanza dalla bambola gonfiabile del mai deludente Salvini, faro abbagliante per moderati in confidenza con forche e forconi. Gli è venuta dal cuore, la bambola gonfiabile. E lasciamo da parte l’educazione. Ma come un dirigente politico, non si pretende navigato, solo con un minimo d’inclinazione, possa non capire che l’insulto da trivio e il paragone grasso siano monopolio dei neoborghesi di Grillo, i quali su un simile terreno non temono concorrenze né scopiazzature, resta un mistero. E come possa non accorgersi che, perfino tra il Bossi ipervolgare verso Margherita Boniver e la propria supertrivialità contro Boldrini, ci sia di mezzo un mondo, sul serio è da non credere. Bambola gonfiabile, ma roba da matti. Dopo di che: suonerebbe altrettanto sguaiato sostenere che Brunetta è il vibratore di Forza Italia?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi