Il procuratore Targetti vota sì al referendum. Con garbo

E si viene così a sapere che un procuratore aggiunto di Milano, Riccardo Targetti, voterà Sì al referendum sulla riforma costituzionale.

E si viene così a sapere che un procuratore aggiunto di Milano, Riccardo Targetti, voterà Sì al referendum sulla riforma costituzionale. Considera il No una catastrofe pur esprimendo qualche critica al testo che ha deciso di votare. Ne ha parlato con Repubblica, ha spiegato i perché delle sue convinzioni e l’ha fatto con garbo.

 

Non si è scagliato contro nessuno, ha mostrato rispetto per chi non la pensa nello stesso modo e pare che neppure da parte di chi voterà no siano state registrate reazioni scomposte alle parole del dottor Targetti. Tutto molto civile. Nemmeno risulta, almeno finora, che il dottor Davigo l’abbia fatto arrestare da una brigata dell’Anpi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi