Guerra tra magistratura e governo

Oh, riassumendo: c’è una procura che non si capisce bene quali accuse muova ai ministri che ostentatamente interroga, ma li interroga alla vigilia di un referendum, poche balle, contro il governo.
Guerra tra magistratura e governo

Oh, riassumendo: c’è una procura che non si capisce bene quali accuse muova ai ministri che ostentatamente interroga, ma li interroga alla vigilia di un referendum, poche balle, contro il governo; c’è il capo della magistratura associata di un’altra regione che dichiara guerra al governo sul referendum costituzionale di ottobre, e lo fa piatto-piatto da un giornale; c’è Magistratura Democratica che sta facendo incetta di elmetti per la guerra ufficialmente dichiarata al referendum di cui sopra e con l’identico scopo, poche balle, di far cadere il governo; c’è il corpo grosso dei magistrati italiani che sceglie come proprio condottiero il dottor Davigo, uno che al governo fa la macumba quando si alza e prima di andare a letto; lasciando stare che un ex magistrato guidi contro il governo la plebe di Napoli, mentre un altro ex magistrato, da Bari, spinge le belle anime dei No Triv sempre contro il governo. E sono tutti fatti, questi. Epperò, epperò. Fortuna però che c’è un giornale, e che si chiama il Fatto, tra l’altro nemmeno l’Opinione, proprio il Fatto, il quale ieri ha informato i suoi lettori: “Il governo dichiara guerra alla magistratura”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi