Paradossi vari su family day e unioni civili

Altezza e fascino di un confronto culturale da leccarsi finalmente i baffi. Cioè...
Altezza e fascino di un confronto culturale da leccarsi finalmente i baffi. Cioè: un cattolico che era andato al primo Family day contro il matrimonio omosessuale, diventato presidente, non è andato al secondo, allora un altro cattolico favorevole alla riforma costituzionale, fatta dal primo, è diventato d’un colpo contrario alla riforma, al che il primo ha risposto che, se il secondo lo faceva per ripicca, lui allora andrà nelle parrocchie. A spiegare ai cattolici l’unione civile omosessuale? No, il referendum sul Senato. Provaci pure, gli ha detto allora l’altro, tanto i cattolici stanno in piazza, mica in parrocchia. Non so a voi, ma a me la modernità mi piace.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi