La riforma della giustizia è ormai cotta

No eh, per piacere, un altro anno a chiedere la riforma della giustizia, chi ce la fa? Ormai è cotta, dai, Orlando se lo sono cucinato.
No eh, per piacere, un altro anno a chiedere la riforma della giustizia, chi ce la fa? Ormai è cotta, dai, Orlando se lo sono cucinato. Si tengano le carriere sigillate, si organizzino in correnti, intercettino chi vogliono, facciano i processi sui giornali, arrestino i deputati, si giudichino pure tra di loro, usino a piacere i distacchi, le consulenze, lavorino da casa, prolunghino le ferie, scrivano le motivazioni quando cazzo gli pare, vadano al mare dimenticando l’imputato in carcere, abusino del carcere preventivo, passino le notizie agli amici e difendano come dei sansebastiano l’azione penale obbligatoria, che in fondo li capisco. Quello che non capisco, è perché quella loro ammirevole ostinazione nell’anteporre i valori agli interessi materiali mi ricordi tanto i Casamonica.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi