Donne al comando

Grandi manovre in via Solferino: Joe deve lasciare la guida di Sette per far spazio a Paola Perego

Donne al comando

Foto LaPresse

Bau-Sette-tè! Colpo di scena in via Solferino. Joe Servegnini lascia (deve lasciare) la direzione. Alla guida di Sette va Paola Perego. Dichiarazione di Urbano Cairo, l’editore: “Lucio Presta è stato convincente”. L’agente delle star, peraltro marito della signora Perego, da buon calabrese ha portato argomenti tutti esplosivi.

 

Bau-Sette-tè! Colpo di scena in via Solferino. Non certo la polvere da sparo è quella che ha portato da Cosenza, Presta, ma – va da sé – ‘nduja, soppressata e peperoncino. Tutto un piccante con cui Cairo ha potuto finalmente cancellare gli sdolcinati bon bon alla crema comprati ogni giorno a Crema – e prelevati al prezzo di due blocchetti buono taxi –da Servegnini.

 

Bau-Sette-tè! Colpo di scena in via Solferino. E’ la promessa di una rivoluzione al femminile? “Chissà?”, risponde Cairo ai microfoni di TeleAspromonte, “l’azione riparatoria verso le ragazze dell’est, quella che non ha fatto la Rai, la farà di certo il Corriere della Sera”. Forse ancora un annuncio? Eva Henger, affascinante ragazza dell’est, alla direzione di Io Donna? La risposta di Cairo, ancora una volta, è sibillina: “Chissà”.

 

Bau-Sette-tè! Colpo di scena in via Solferino. Joe se ne va e Paola arriva. Un fatto certo è che l’editore del Corriere accoglie i suggerimenti di Lucio Presta. Cairo, la cui gigantografia è issata su Largo Treves, a Milano – quella dove col dito puntato sembra dire “I want you!” – già da domani sarà ritoccata con l’aggiunta di uno sfondo – l’azzurro mare dello Stretto di Messina – e un nuovo motto: “U facimu ’stu cazzu di Ponti?”.

 

Bau-Sette-tè! Colpo di scena in via Solferino. Joe se ne va e Paola arriva. La signora Perego, ingiustamente epurata dalla Rai per via delle slide sessiste sulle ragazze dell’est, intanto prende in consegna il settimanale e s’adopera nelle prime e urgenti decisioni. Toglie la collaborazione a Lilli Gruber – non dà alla conduttrice di Otto e Mezzo neppure il tempo di consegnare il primo articolo – e affida lo spazio a Paolo Bonolis.

 

Bau-Sette-tè! Colpo di scena in via Solferino. Joe se ne va e Paola arriva. Perego offre la copertina a Roberto Benigni che si racconta in un’intervista esclusiva: “Le ragazze dell’est, tutte per me”. E’ la stessa direttora a raccogliere le confessioni del premio Oscar. “Non mi perdevo” – è la stessa direttora a raccogliere le confessione del premio Oscar – “un solo viaggio della federazione del Pci: a Mosca, a Leningrado, a Varsavia, a Praga. Mi fidanzavo con tutte. Regalavo loro collant, calze di seta e fotografie di Giorgio Napolitano in pantaloncini corti a Lipari”.

 

Bau-Sette-tè! Colpo di scena in via Solferino. Paola arriva ma Joe – l’intrepido Servegnini – se ne va davvero? Ebbene, no. Piuttosto si mimetizza. Ossigena la sua proverbiale frangetta da suora laica e si trasforma in una bionda amazzone slava. Tinge di nero il suo impermeabile bianco e – oplà – calzando scarpe con tacco 12, facendo glabro il suo prominente mascellone modello comò rococò, col passo suadente per valorizzare al meglio il popò, si presenta al cospetto di Perego quale “ragazza di Vladivostò”.

 

Bau-Sette-tè! Colpo di scena in via Solferino. Paola arriva ma Joe le pensa tutte: mostra, a modo di credenziale, una lettera firmata da Fabio Testi ed è fatta. L’affascinante attore, soggetto a confusioni rispetto ai propri ricordi, in ogni modo attesta di averla conosciuta in una sauna, in Transilvania: “Io, lei, un mio amico, quattro orsi e una mucca, in un’ammucchiata dentro una vasca…”.

 

Bau-Sette-tè! Colpo di scena in via Solferino. Joe se ne va e Paola arriva. Manco il tempo di convincere Paola Perego che Bonolis, trovandosi a passare per via Solferino, rapito dal fascino di Joe in versione slava, se lo prende e lo consegna subito agli autori Mediaset per farne un caso nel prossimo Ciao Darwin e non certo per Il Senso della Vita. Luca Laurenti, nel frattempo chiamato a sostituire Servegnini nella rubrica Italians, alla vista della “ragazza di Vladivostò” si spaventa non poco: “Altro che Madre Natura, è Madre Snatura questa qui!”.

 

Bau-Sette-tè! Colpo di scena in via Solferino. Joe se ne va e Paola arriva. E Urbano Cairo, finalmente, può tirare un sospiro di sollievo: con Perego direttore tornano anche gli inserzionisti. E torna anche la serenità per Lucianino Fontana: la conquista del Corriere da parte di Servegnini è stata scongiurata. Ma è davvero così? Joe trama e Lucianino trema… ora e sempre Bau-Sette-tè!

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi